La cura che cambia

Online il primo rapporto su sfide e modelli di salute collaborativa in Italia

 

E’ stato presentato ieri a Milano il primo rapporto “La cura che cambia” sulla salute collaborativa in Italia, promosso da Nesta Italia e realizzato in collaborazione con LAMA, Wemake, e il supporto di Unicredit (qui l’agenda della giornata).

Il rapporto introduce un nuovo concetto, quello di “salute collaborativa”, che vede nelle persone e nella loro capacità di attivarsi e collaborare la principale risorsa per rafforzare il sistema sanitario e di welfare, e dare risposta alle attuali sfide del contesto italiano.
Le dinamiche demografiche ed epidemiologiche (invecchiamento della popolazione e diffusione delle malattie croniche in primis) stanno infatti portando a un rapido aumento della domanda di cure, e al contempo a una trasformazione del tipo di bisogni espressi dalle persone, che necessitano maggiore continuità, personalizzazione e integrazione dei servizi, e richiedono un’attenzione sempre maggiore al lato relazionale e “umano” dell’assistenza. Inoltre, l’aumento costante delle disuguaglianze nella salute Italia segnala la presenza di una grande sfida legata all’equità dei sistemi di prevenzione e cura.

La salute collaborativa si propone come un nuovo paradigma di innovazione, in grado di offrire risposte sistemiche grazie al fatto di puntare non solo sulla trasformazione dei servizi (con nuove tecnologie, modelli organizzativi, ecc.) ma anche sull’empowerment dei pazienti e sull’attivazione delle comunità.
Nel report, vengono mappate le iniziative di salute collaborativa italiane organizzate in tre filoni:
– App&Device, per le esperienze di empowerment e collaborazione abilitate dalle tecnologie;
People&Community, per le innovazioni che fanno leva sulle relazioni, la collaborazione e le comunità;
Open Care, per le soluzioni basate su processi di co-progettazione e innovazione aperta.

All’interno della ricerca LAMA ha curato l’analisi del contesto ed il framework concettuale, delineando le caratteristiche principali dei tre filoni e definendo ulteriori dimensioni complementari. Inoltre, ha contribuito alla mappatura dei casi e alla produzione di raccomandazioni finali rivolte a sistemi sanitari, imprese e attori del mondo non profit.

Questo lavoro è il frutto di oltre 10 anni di esperienza diretta di LAMA nell’accompagnamento e valutazione d’impatto di iniziative di innovazione nel campo della salute, in Italia e nel mondo, e del contributo dato da un gruppo di esperti e stakeholder coinvolti tramite interviste qualitative, alcuni dei quali hanno anche partecipato all’evento del 23 ottobre a Milano, nella sessione dedicata agli innovatori e gli esperti, moderata da Elena Como responsabile di ricerca di LAMA.

Il rapporto è scaricabile QUI (pdf, 13 MB)

RASSEGNA STAMPA:

Nova (Il Sole 24 Ore) 

Vita

Eventi - La Cura Che Cambia

Torna indietro